Ciclo D.lgs 231/01

Il recepimento della Direttiva PIF e l’introduzione del delitto di contrabbando nel D.Lgs. 231/01: le nuove aree di rischio e i presidi da adottare

A chi è rivolto?

Avvocati, giornalisti, studenti, manager, commercialisti

Area disciplinare

Diritto penale

Maggiori informazioni

Il Centro Studi Borgogna torna ad occuparsi della Responsabilità Amministrativa degli Enti ex D. Lgs. n. 231/01 – martedì 4 maggio, dalle ore 16.00 alle 19.00 – con il quarto appuntamento del Ciclo di Incontri che si articolerà in nove eventi calendarizzati nell’arco dell’intero anno e rivolti ad avvocati e professionisti nel settore legale.

L’incontro del “Ciclo 231” avrà ad oggetto una delle modifiche contenute nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 15 luglio 2020 con la quale si dava ufficialmente attuazione alla Direttiva dell’Unione Europea n. 2017/1371, c.d. P.I.F., relativa alla lotta contro le frodi che ledono gli interessi finanziari dell’Unione mediante il diritto penale. La Direttiva è stata recepita in via definitiva dal D.lgs. n. 75 del 14 luglio 2020, entrato in vigore il 30 luglio,  con il quale si è ampliato il catalogo dei c.d. reati presupposto del D.lgs. 231/2001, mediante l’introduzione dell’art. 25-sexiesdecies che include i delitti di contrabbando previsti e puniti dal D.P.R. n. 43/1973.

Nello specifico, il contrabbando consiste nella condotta di chi introduce nel territorio dello Stato, in violazione delle disposizioni in materia doganale, merci che sono sottoposte ai diritti di confine.

Durante l’evento, i Relatori mostreranno agli utenti le novità in tema di compliance a seguito dell’introduzione della normativa PIF nel nostro sistema giuridico.

In particolare, verrà analizzato il ruolo dello spedizioniere doganale e il rapporto che sussiste tra quest’ultimo e l’ente.

Lo spedizioniere doganale è un ente qualificato, iscritto nell’albo professionale degli spedizionieri doganali, che si occupa di seguire le operazioni di sdoganamento delle merci e ad anticipare i dazi doganali dovuti dall’importatore.

I Relatori, durante l’incontro, analizzeranno tali tematiche sia dal punto di vista del diritto interno quanto dal punto di vista del diritto internazionale apportando una serie di considerazioni circa le conseguenze – ed il relativo bilancio – dell’introduzione dei delitti di contrabbando nel catalogo dei reati presupposto al Decreto legislativo n. 231 del 2001.

L’evento, in corso di accreditamento presso il Consiglio Nazionale Forense, è a pagamento e si terrà in modalità da remoto, su Piattaforma Certificata FAD.

Saluti iniziali

  • Fabrizio Ventimiglia, Avvocato Penalista, Presidente CSB

Modera

  • Lorenzo Allegrucci, Avvocato, OdV Class Editori, Membro Comitato Scientifico CSB

Relatori

  • Roberta De Robertis, Direttore della Direzione Dogane Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

    Roberto Fanelli, già Direttore Ufficio Legale Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

    Nicola Ricciardi, Avvocato, Presidente di Fisco e Territorio

    Gianluca Ruggiero, Professore Associato di Diritto Penale all’Università del Piemonte orientale

Data

4 maggio 2021

Ora

16.00 – 19.00

Luogo

Online – Piattaforma Certificata FAD

Costo

100 Euro singolo evento, gratuito per tesserati

Crediti

Evento in fase di accreditamento al CNF

Modalità di iscrizione

Accedere al sito e compilare i campi

Condividi

Associazione Centro Studi Borgogna - Via Borgogna 5 - 20122 Milano - C.F. 97860980156
Privacy policy - Cookie policy - Powered by 3Bit