Ciclo D.lgs 231/01

Le misure riabilitative del Codice Antimafia e il ruolo della Compliance al D.lgs. 231/01

A chi è rivolto?

Avvocati, giornalisti, studenti, manager, commercialisti

Area disciplinare

Diritto penale

Maggiori informazioni

Il Centro Studi Borgogna torna ad occuparsi della Responsabilità Amministrativa degli Enti ex D. Lgs. n. 231/01 – martedì 6 luglio, dalle ore 16.00 alle 19.00 – con il sesto appuntamento del Ciclo di Incontri che si articolerà in nove eventi calendarizzati nell’arco dell’intero anno e rivolti ad avvocati e professionisti nel settore legale.

Il Codice Antimafia, ossia il D.Lgs. 159/2011, dedica una sezione ad hoc all’amministrazione giudiziaria di imprese sottoposte a sequestro nell’art. 20 del decreto.

Il summenzionato articolo, difatti, si pone l’obiettivo finale di far emergere, tra le altre, le problematiche giuridiche inerenti al lavoro in nero, l’evasione fiscale e previdenziale, il falso in bilancio e la violazione della normativa sulla sicurezza e l’ambiente, che, de facto, caratterizzano le imprese gestite dalle organizzazioni criminali.

Da un’attenta analisi della ratio legis del Codice dell’Antimafia si evince come le imprese sottoposte a sequestro giudiziario siano una chiara estrinsecazione della nuova forma che hanno assunto le mafie.

Come sostiene, difatti, Autorevole Dottrina, il mafioso non è più colui che si limita a “chiedere il pizzo”, ma diventa imprenditore e riesce ad infiltrarsi nei flussi che caratterizzano il business dell’azienda da gestire.

Il mafioso diventa, pertanto, un imprenditore: per tali ragioni al fine di contrastare il fenomeno criminale è necessario applicare il dettato normativo del D.Lgs. 231/2001.

L’art. 34 bis co. 3 lett. d) del Codice Antimafia, rubricato come “Controllo giudiziario”, rievoca la necessità di “adottare ed efficacemente attuare misure organizzative, anche ai sensi degli articoli 6,7, e 24 ter del decreto legislativo n. 231/2001 e successive modificazioni”.

L’adozione dei c.d. Modelli Organizzativi è rimessa alla valutazione dell’autorità giudiziaria e si pone, anche in questo caso, in contrasto con l’infiltrazione criminale nella vita d’impresa.

Durante l’incontro, i relatori, analizzeranno il modus attraverso il quale la disciplina della Compliance e della Governance impattano sul Codice dell’Antimafia.

L’evento, in corso di accreditamento presso il Consiglio Nazionale Forense, è a pagamento e si terrà da remoto, su Piattaforma Certificata FAD.

Saluti di indirizzo

  • Fabrizio Ventimiglia, Avvocato Penalista, Presidente del Centro Studi Borgogna

Modera

  • Giulia Escurolle, Avvocato Penalista, Phd e Socio CSB

Relatori

  • Marco Cipriano, Direttore degli Osservatori del CSB

    Federico Maurizio d’Andrea, Presidente OdV Banco BPM S.p.A, Vice Presidente CSB

    Roberto Paese, Dottore Commercialista, Studio Paese & Associati

    Marcella Vulcano, Avvocato, Socio Fondatore e Presidente Advisora


Acceda al sito per iscriversi al Corso


Non è ancora iscritto/a al sito?

Compili i seguenti campi per registrarsi al sito

Data

6 luglio 2021

Ora

16.00 – 19.00

Luogo

Online – Piattaforma Certificata FAD

Costo

100 Euro singolo evento, gratuito per tesserati

Crediti

Evento in fase di accreditamento al CNF

Modalità di iscrizione

Accedere al sito e compilare i campi

Condividi

Associazione Centro Studi Borgogna - Via Borgogna 5 - 20122 Milano - C.F. 97860980156
Privacy policy - Cookie policy - Powered by 3Bit