Terzo incontro del ciclo 231/01. Modelli organizzativi e rischio ambientale

A chi è rivolto?

Avvocati, commercialisti, dirigenti d’azienda

Area disciplinare

Diritto penale, responsabilità
amministrativa degli enti

07 aprile 2020

16:00 - 19:00

Sede CSB, Via Borgogna 5, Milano (MM San Babila)

Costo

Gratuito per gli associati al CSB

€ 60 per il singolo incontro, € 200 per chi si iscrive al ciclo di quattro incontri.

Crediti

E’ stata presentata richiesta di accredito al COA Milano

Ciclo di incontri 231/01 – terzo incontro

I MODELLI ORGANIZZATIVI E IL RISCHIO AMBIENTALE

Il Ciclo di quattro incontri si propone di approfondire i temi di maggiore attualità legati all’applicazione del D.lgs. 231/2001. In particolare, oggetto di attenzione saranno le strategie preventive da adottare nell’ambito dei Modelli organizzativi, con riferimento ai rischi penali più diffusi. Agli incontri parteciperanno illustri esponenti del mondo accademico, giudiziario, professionale e aziendale.

Questo terzo incontro affronterà il tema della responsabilità dell’Ente derivante dalla commissione di reati ambientali, volgendo lo sguardo ai riflessi dell’introduzione degli “ecoreati” sulla portata della “colpa di organizzazione”, e alle necessarie forme di coordinamento tra il Sistema di Gestione Ambientale ISO 14001 e le certificazioni ambientali, e i Modelli di Organizzazione Gestione e Controllo ex D.lgs. 231/2001.

Modera

Fabrizio Ventimiglia, Avvocato, Presidente Centro Studi Borgogna

Relatori

Andrea Baldin, Amministratore Unico Euroquality

Marco Cipriano, Amministratore Unico CORE S.p.A.

Valentina Vasta, Avvocato Studio Legale Ventimiglia

Rassegna

Consulta gli approfondimenti giuridici presenti nella nostra Rassegna di Giurisprudenza.

Newsletter

Per rimanere sempre aggiornati sulle ultime novità, sui nostri eventi ed articoli, iscrivetevi alla Newsletter.

Diventa Socio

Se condividi le nostre finalità e vuoi contribuire alla crescita e allo sviluppo delle iniziative, puoi chiedere di aderire.

I nostri Partner

Il Centro Studi Borgogna sostiene